POLICLINICO TOR VERGATA

cerca nel sito

Il Policlinico Tor Vergata guarda al futuro: il trapianto di fegato

PTV sui Media

24.01.2023 - Comunicato Stampa

 

 

Il Policlinico Tor Vergata guarda al futuro: il trapianto di fegato
Nuovi orizzonti possibili oggi nella cura delle patologie epatiche: il trapianto per diversi tipi di tumore, l’impiego di macchine da perfusione per ricondizionare gli organi, l’utilizzo dei donatori a cuore fermo.

Giovedì 19 gennaio si è tenuto presso il Policlinico Tor Vergata di Roma l’evento “Nuovi scenari nel trapianto di fegato” presieduto dal professor Giuseppe Tisone, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Epatobiliare Trapianti del PTV che ha visto come testimone di eccezione il Film “Amici per la pelle”, racconto di una storia vera di trapianto.

Presenti il Rettore dell’Università di Roma “Tor Vergata”, Nathan Levialdi Ghiron ed il Direttore Generale del Policlinico Tor Vergata, Giuseppe Quintavalle, che hanno dato inizio ai lavori di una giornata ricca di contenuti scientifici, ma anche di grandi emozioni. Hanno partecipato l’Ordine dei Medici di Roma e Provincia e le associazioni dei pazienti, in particolare alla AITF, Associazione iIaliana Trapiantati di Fegato, rappresentata dal dottor Franco Martino che ha portato la testimonianza delle aspettative dei pazienti.

Il Direttore Generale, Giuseppe Quintavalle ha sottolineato che “il Policlinico di Tor Vergata è sempre piu’ aperto al territorio per una integrazione delle attività di assistenza volta alla presa in carico globale della persona ed ha attivato diversi PDTA (percorso diagnostico terapeutico assistenziale) che rappresentano il superamento delle logiche di centralità di singoli servizi e professionisti, valorizzando la multicentricità in un’ottica di rete. Sono felice di annunciarVi che stiamo istituendo un PDTA dedicato ai pazienti che devono essere inseriti in lista per trapianto di fegato.” ll Prof. Leonardo Baiocchi, Responsabile della Unità Operativa di Epatologia del Policlinico di Tor Vergata ha spiegato che “I pazienti potranno così abbreviare i tempi necessari per arrivare al trapianto ed essere inseriti in un percorso dedicato”.

Il Prof. Giuseppe Tisone ha illustrato l’attività trentennale del Centro Trapianti di Tor Vergata nel quale sono stati effettuati più di 700 trapianti di fegato con ottimi risultati in linea con i migliori centri internazionali, adottando le tecniche più innovative. Nello stesso Centro vengono effettuati anche trapianti di rene da donatore cadavere, da donatore vivente e trapianti di rene-pancreas. “È necessario implementare il ricorso ai donatori a cuore fermo” sottolinea il professor Tisone, “che rappresenta una risorsa ampiamente utilizzata all’estero, utile per aumentare il numero dei donatori”.

Il dottor Alessandro Anselmo, organizzatore del convegno, dirigente medico dell’UOC Chirurgia Epatobiliare e Trapianti del PTV introduce lo sguardo al futuro :“I nuovi orizzonti del trapianto di fegato sono rappresentati dalle nuove indicazioni per tumori primitivi e secondari del fegato come l’epatocarcinoma, il colangiocarcinoma e le metastasi da tumore del colon-retto. Oggi infatti è possibile trapiantare sempre di più pazienti affetti da epatocarcinoma anche in stadio intermedio, ricorrendo a procedure di radiologia interventistica che possono “bloccare” il tumore e farlo rientrare nei criteri di trapiantabilità, tale procedura è denominata downstaging. Nell’ambito di protocolli nazionali ed internazionali è anche possibile, con una selezione molto accurata dei pazienti, effettuare trapianti per pazienti affetti da colangiocarcinoma o da metastasi da tumore del colon-retto. Una ulteriore novità è rappresentata dall’utilizzo delle macchine da perfusione che consentono di “ricondizionare” gli organi e di utilizzare organi che prima non potevano essere utilizzati.” Infatti oltre 60% dei donatori nel Lazio sono definiti donatori “marginali”, come ha sottolineato nella sua relazione il dottor Mariano Feccia, Direttore del Centro Regionale di coordinamento Trapianti del Lazio. Un testimonianza di eccezione è stata la presenza di Filippo Lagana’, che nel Film “ Amici per la Pelle”, pellicola premiata al Festival del Cinema di Roma nel 2022, girato al PTV, racconta la sua storia. Il giovane attore ha raccontato in prima persona la sua esperienza di rinascita dopo un trapianto di fegato suscitando commozione, interesse e partecipazione da parte di tutto il pubblico.

Questa giornata di confronto ha raccolto consensi tra i professionisti e soprattutto fiducia e uno sguardo verso il futuro da parte dei pazienti.

 

foto evento

foto evento

foto evento

foto evento

foto evento

foto evento

 

 

 

 

 

 

 

Amministrazione Trasparente
Albo Online
Bandi di Gara
Concorsi e Selezioni

Seguici sui nostri social