Logo Università degli Studi di Roma Tor Vergata   Logo Regione Lazio  

 
  Home | Contatti | U.R.P. | Amministrazione Trasparente | Albo Pretorio | Cerca nel Sito | Accessibilità | Area Riservata al Personale  
  PRESENTA
 Il Policlinico
 La Fondazione
 Struttura Aziendale
 Carta dei Servizi
 Dipartimenti
 Visite ed Esami
 Centri Reg.li Riferimento
 Malattie Rare
 Ricerca Clinica
 Attività Intramoenia
 
  INFORMA
 Accoglienza Tutela  Partecipazione - URP
 Offerta Assistenziale
 Servizi al Cittadino
 Servizi OnLine
 Assistenza agli Stranieri
 Comunicazione - Stampa
 Dedicato a...
 
  PROGETTA
 Comfort Ospedaliero
 Ospedale Senza Dolore
 Ospedale Sicuro
 Comitato Etico
 Qualità
 Comitato Valut. Sinistri
 Clinical Risk Management
 Com. Pari-Opportunità
 
  ORIENTA
 Come Raggiungerci
 Informazioni Utili
 Formazione
 Biblioteca Medica Virtuale
 Volontariato
 Bandi di Gara
 Concorsi e Avvisi
 Comunicazioni a Fornitori
 Fatturazione Elettronica
 Cappella PTV
 Agevola PTV
Ospedale Senza Dolore

Il Piano Operativo del Progetto

Il prendersi cura della persona è valore fondante della Mission dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Tor Vergata ed proprio secondo quest’ottica che a muovere le fila al centro del Piano Operativo del Progetto insiste un sistema integrato di assistenza e sviluppo delle risorse umane impegnate nella gestione dei servizi. Una Rete (Ambulatorio e Day Hospital del Dolore, Servizio di Farmacia Clinica in collaborazione con la Direzione Sanitaria di Presidio, Servizio Comfort Ospedaliero e Direzione Infermieristica, Ambulatorio delle Cure Primarie) che si raccorda a livello organizzativo, clinico ed assistenziale con la Rete Oncologica e la Rete di Cure Palliative, garantendo continuità e trasversalità assistenziale nei servizi. Controllare il dolore nei suoi diversi aspetti, controllare i disturbi fisici che accompagnano la malattia, dare un sostegno psicologico al malato e alla sua famiglia e la cura dolore inutile, percepito come ingiusto ed evitabile, i principali bersagli di quanti operano nel progetto.

Le Linee Guida del Progetto

  1. Considerazione e valutazione del dolore come problema trasversale a tutte le specialità presenti negli ospedali
  2. Dare sollievo ad ogni tipo di dolore all’interno dell’ospedale
  3. Rendere visibile la progettualità interna con un’opera di comunicazione
  4. Collocare il dolore associato agli eventi fisici e alla malattia in una più vasta cornice esistenziale ed antropologica
  5. Sviluppare le conoscenze finalizzate ad aumentare e/o migliorare le competenze di tutti gli operatori nello sviluppare una mentalità di servizio al controllo del dolore
  6. Avviare un confronto culturale tra ambienti e culture diverse con le finalità di coinvolgere i pazienti, il loro entourage ed il mondo esterno
  7. Proporre dei modelli per garantire la qualità dell’assistenza sanitaria, favorire il dialogo superando i limiti della mera tecnica e comprendendo al meglio la realtà
  8. Ricercare i luoghi e tutte le situazioni dove il dolore possa essere evitato, o meglio alleviato
  9. Predisporre pubblicazioni, poster e materiale informativo per l’utente, la sua famiglia ed i cittadini;
  10. Implementare la carta dei diritti e dei doveri del malato che possa aiutare il cittadino a conoscere:
    • i diritti del paziente/utente nell’ospedale che vuole curare il dolore
    • cosa sia il dolore e quali possibilità esistano per alleviarlo come sia nato ed operi il Comitato Ospedaliero per la prevenzione e la gestione del dolore
    • i corsi di formazione diretti a professionisti sanitari

<< torna

I Servizi Attivati fino ad Oggi

Ambulatorio e Day Hospital di Terapia del Dolore

Il servizio di terapia del dolore si rivolge ai pazienti con dolore acuto e cronico causato da differenti patologie del sistema nervoso, vascolare, muscolo-scheletrico e viscerale nonché da lesioni neoplastiche. L’attività ambulatoriale e in regime di day hospital è pertanto sia diagnostica (individuazione dei meccanismi del dolore), che terapeutica, medica e chirurgica, e di ricerca scientifica.
L’utilizzo di tecnologie e strumentazioni all’avanguardia permette la valutazione ed il trattamento del dolore cronico oncologico e non e del dolore post operatorio delle seguenti tipologie di dolore:

  • oncologico;
  • neuropatico (post-erpetico, trigeminale, radicolopatie da compressione, FBSS, diabetico, etc);
  • cronico-benigno intrattabile;
  • facciale atipico;
  • acuto post-operatorio Acute Pain Service (APS)

<< torna

Attività

  • Day Hospital (2 letti)
  • Servizio di consulenza intraospedaliera
  • Servizio di consulenza Day Hospital di altre specialità
  • Servizio di consulenza al Pronto Soccorso (DEA);
  • Servizio di assistenza in tutte le procedure diagnostiche e terapeutiche di tipo invasivo con la presenza dell’anestesista/terapista del dolore (es. colonscopia, EGDS, radiologia interventistica, dolore pediatrico, etc);

<< torna

Apparecchiature/Tecnologie

  • Scrambler Therapy (ST 5) nasce da un’idea e dalla ricerca del Prof. Giuseppe Marineo(depositata con brevetto internazionale) ed è stata sperimentata dal Prof. Alessandro Sabato e di suoi collaboratori presso l’Università degli studi di Roma Tor Vergata, negli anni ’90. E’ un dispositivo elettromedicale sviluppato per il controllo del dolore neuropatico annullandone la percezione in tempo reale, non “bloccando” l’informazione algica, ma sostituendola con un'altra compatibile di non dolore. La ST sovverte completamente il concetto della stimolazione elettrica nervosa: essa infatti non crea un’interferenza nella trasmissione dell’impulso nervoso dalla periferia al SNC, ma usa le fibre nervose come mezzo passivo per inviare un messaggio di normalità al SNC
  • Terapia Segnali Pulsanti (PST): per trattamento artrosi e ostioporosi
  • Neuromodulazione per cutanea
  • Laser (Light Amplification by Stimulated Emission of radiation) Terapia Antalgica
  • TENS (Transcutaneous Electrical Nerve Stimulator)
  • Quantitative Sensory Testing per lo studio delle fibre nervose Adelta e C
  • LEP (Potenziali Evocati Laser)
  • Terapia del Dolore e Cure Palliative
  • PICC (Peripheral Intravenous Central Catheter) TEAM: che consiste nel collegare l’infermiere professionale e l’anestesista/terapista del dolore in un percorso assistenziale al fine di creare un servizio efficace ed efficiente per le cure e la gestione del dolore cronico non oncologico severo e del dolore oncologico in ospedale e sul territorio.
  • Lawrence PhyBach Terapy : un sistema di modulazione transcutanea che si propone, con un valido ed innovativo approccio, nella cura di patologie e complicanze a carico del sistema del sistema nervoso periferico, vascolare e dell’apparato locomotero e tegumentario.

<< torna

Servizio di Farmacia Clinica

Il Servizio di Farmacia Clinica, al fine di contribuire alla concreta attuazione del progetto “Ospedale Senza Dolore”, promuove un programma di sorveglianza del dolore. In collaborazione con altre figure professionali dell’Ospedale, infatti, quali la Direzione Sanitaria, i clinici, gli infermieri e gli psicologi, pone, particolare attenzione alle situazioni che si configurano come “non adeguatamente controllate” per poterne capire le ragioni e valutarne l’effettiva evitabilità. Diversi ma tutti strettamente correlati al ruolo che questo Servizio svolge all’interno dell’Ospedale i motivi per i quali tale proposta è suggerita dalla Farmacia Clinica, che ad esso si rivolgono tutte le discipline mediche e che si configura quindi come luogo privilegiato di interazione-osservazione.

<< torna

Servizio Comfort Ospedaliero e Direzione Infermieristica

Il Servizio Comfort Ospedaliero (colleg. Ipert. Sez.) e la Direzione Infermieristica (colleg. Ipert. Sez.) ricercano continuamente la qualità nell’assistenza e nelle prestazioni ospedaliere orientando la propria attività alla progettazione e allo sviluppo di modelli organizzativi innovativi coerenti con la Mission aziendale. Il “prendersi cura della persona”, come peculiare attitudine professionale dell’infermiere, riveste un ruolo centrale e determinante in un “Ospedale senza dolore”. Volontà della Direzione è orientare tutto il processo assistenziale all’attenzione al sintomo dolore, dall’inserimento degli infermieri neo assunti, alle schede infermieristiche di rilevazione e gestione del sintomo dolore (a cui viene data una connotazione di parametro vitale) con particolare sensibilità al trattamento nel periodo post operatorio.

<< torna

Ambulatorio delle Cure Primarie - Diagnosi e Trattamento del Dolore

Il "Dolore" rappresenta una frequente motivazione di ricorso al Pronto Soccorso e rende inaccettabile una lunga permanenza del paziente in sala d’attesa. Per meglio affrontare, quindi, il “problema del dolore in Pronto Soccorso è stato istituito un protocollo sperimentale. Un approccio che consenta una più tempestiva ed accorta risoluzione del dolore da parte della struttura può infatti migliorare in maniera consistente la qualità del servizio.

<< torna

Percorso Diagnostico

Il paziente che giunge in Pronto Soccorso per:

1. Dolore Muscolo-Scheletrico

  • distrazione muscolari
  • lombalgie e rachialgie non traumatiche
  • sintomatologie algiche osteomuscolari
  • contusioni e distorsioni minori
  • colpi di frusta cervicali e distorsioni lombari
  • sciatalgie e lombosciatalgie acute o ricorrenti
  • dolore artropatico

2. Dolore Dermatologico

  • dolore post erpetico

3. Dolore Neurologico

  • dolore da nevralgia del trigemino o da rami del facciale
  • dolore neuropatico di qualunque distretto

4. Dolore Oncologico

  • qualunque tipo di dolore fatta eccezione da quello causato da complicanze od urgenze chirurgiche
  • paziente oncologico già in terapia con farmaci analgesici ma non coperto correttamente dalla terapia stessa

Può essere classificato dall'infermiere del Triage (sistema di classificazione della gravità dei casi in relazione ai colori) come Codice Bianco ed inviato all'Ambulatorio Cure Primarie. L’infermiere del Triage valuterà, quindi, le condizioni del paziente e deciderà se farlo accompagnare da un’Operatore Tecnico di Assistenza (OTA). Giunto nell'Ambulatorio il Medico ACP (Ambulatorio Cure Primarie) dopo attenta valutazione deciderà se trattare immediatamente il paziente e reinviarlo a domicilio affidandolo per il proseguimento delle cure al Medico Curante oppure chiedere una consulenza al Servizio di Anestesia e Terapia del dolore che provvederà ad inviare uno specialista in tempi brevi per effettuare la consulenza. In quest’ultimo caso sarà lo Specialista a decidere se affidare il paziente al Medico Curante tramite esaustiva informativa, nei casi di patologie non legate a inquadramenti diagnostici più approfonditi; o se, inserirlo in un percorso agevolato di cure all'interno del PTV.

<< torna

Didattica Formativa

Didattica Istituzionale

<< torna

Didattica Formativa

  • Corsi ECM: BLS + D (Basic Life Support + Defibrillation) per tutti i sanitari del PTV: medici, personale infermieristico, personale laico
  • Corsi ECM sul dolore per ortopedici, fisiatri, reumatologi, oncologi e medici di medicina generale
  • Corsi ECM su cure palliative e terapia del dolore per ortopedici, fisiatri, reumatologi, oncologi e medici di medicina generale
  • Corsi ECM sui sistemi venosi impiantabili
  • Corsi ECM sull’anestesia totalmente endovenosa computerizzata
  • Corsi di Terapia del Dolore “on line” in collaborazione con la Scuola Istruzione a Distanza (IAD) dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” per medici di medicina generale
  • Corsi di formazione ed alta specializzazione in Fisiopatologia del dolore neuropatico, a livello nazionale, presso Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Tor Vergata/ Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”
  • Corsi di perfezionamento (post- graduated) per neo-specialisti in anestesia sull’utilizzo degli oppiacei nel dolore cronico oncologico e nel dolore cronico non oncologico
  • Master Nursing Care in medicina palliativa: I livello annuale
  • Master Nursing Care in medicina palliativa: I livello biennale
  • Master 2° livello: Clinica del Dolore
  • Master in Terapia del Dolore e Cure palliative per medici specialisti e di medicina generale, infermieri e psicologi clinici;
  • Master Medicina palliativa: II livello
  • Master Medicina palliativa territoriale: II livello
  • Master Psicologia clinica e Cure palliative: II livello
  • Attivazione del progetto “Ospedale senza Dolore” dell’Azienda Policlinico di Tor Vergata prevede la collaborazione con Cittadinanza Attiva Tribunale dei Diritti del Malato (www.cittadinanzattiva.it): ad esempio l’organizzazione della giornata nazionale del sollievo, campagna “aboliamo i dolori forzati” con l’adozione della carta dei diritti sul dolore inutile, etc)
  • Convenzione con l’Associazione Onlus Antea Formad per l’assistenza dei pazienti oncologici terminali
  • Istituzione del Dottorato di ricerca in Cure Palliative e Terapia del Dolore (primo in Italia) presso l’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata
  • Formazione (crediti ECM) sul “dolore” prevista dal piano formativo aziendale 2006-2007
  • Gemellaggio dell’Azienda Ospedaliera Policlinico Tor Vergata con il Mont Sinai Center, New York, nell’ambito del progetto internazionale di formazione e specializzazione del personale medico e infermieristico circa l’uso degli oppiacei nel dolore cronico maligno e benigno (Prof. A.F. Sabato – Prof. A.Gatti – Prof. M. Pappagallo)
  • Tutoraggio con varie strutture ospedaliere per la realizzazione futura del progetto Ospedale senza Dolore

<< torna

Ricerca e Sperimentazione

Sperimentazioni approvate CEI 2003

Riunione del 07.05.2003
Registro Sperimentazioni 24/03
Protocollo di Studio KF10004/01 “Studio in doppio cieco, multicentrico, a dosi multiple, enriched enrolment, randomised-withdrawal, a gruppi paralleli di fase III con Lido-Patch e corrispondente placebo in cerotto in pazienti che soffrono di nevralgia posterpetica (PHN)” (versione del 2 dicembre 2002)
Sponsor:Prodotti Formenti S.r.l.

Riunione del 07.05.2003
Registro Sperimentazioni 25/03
Protocollo di Studio KF10004/02 “Studio in aperto, multicentrico, a dosi multiple, di fase III con Lido-Patch in pazienti che soffrono di nevralgia posterpetica (PHN)” (versione del 2 dicembre 2002)
Sponsor:Prodotti Formenti S.r.l.

Sperimentazioni approvate CEI 2004

Riunione del 27.02.2004
Registro Sperimentazioni 5/04
Protocollo di Studio Osservazionale “Studio osservazionale sul trattamento del dolore non oncologico mediante Tramadolo, Codeina/paracetamolo e buprenorfina cerotto transdermico” (versione del 23 gennaio 2004) presentato dal Prof. Alessandro Sabato;
Sponsor: (no profit) A.F.A. delle Emergenze Urgenze e Terapia Intensiva

Riunione del 23.07.2004
Registro Sperimentazioni 47/04
Protocollo di Studio n° FEN-PPA-401 “Comparison of transdermal fentanyl PCA and IV morphine PCA in the management of post-operative pain control” (versione del 11 dicembre 2003; Emendamento n. 1 del 30.04.2004; Emendamento n. 2 del 24 maggio 2004)
Sponsor: Janssen-Cilag S.p.A.

Riunione del 26.10.2004
Registro Sperimentazioni 89/04
Protocollo di Studio “Efficacia e tollerabilità di buprenorfina TDS in pazienti con dolore cronico grave non da cancro, non responders ai FANS” (versione del 6 ottobre 2004)
Sponsor: (no profit) A.F.A. delle Emergenze Urgenze e Terapia Intensiva

Sperimentazioni approvate CEI 2005

Riunione del 31.10.2005
Registro Sperimentazioni 79/05
Protocollo di Studio osservazionale POPS - 1 “Consumo di risorse nel trattamento del dolore acuto post – operatorio in ambito post ospedaliero” (versione 3.0 del 26 luglio 2005)
Sponsor: SAVE Studi Analisi Valutazioni Economiche Sas

Riunione del 29.11.2005
Registro Sperimentazioni 87/05
Protocollo di Studio A0081064 “ Studio Multicentrico Randomizzato in Doppio Cieco della Durata di 9 Settimane su Pregabalin (BID) vs Placebo in soggetti con Dolore Neuropatico Periferico Postraumatico” (versione finale 1 agosto 2005;Codice EudraCT 2005-003048-78)
Sponsor: Pfizer S.p.A.

Sperimentazioni approvate CEI 2006

Riunione del 25 luglio 2006
Registro Sperimentazioni 59/06
Protocollo di Studio NW-1029/001/II/2003 “Studio pilota multicentrico randomizzato di fase II, con somministrazione di dosi crescenti, in doppio cieco, controllato verso placebo, per determinare la sicurezza, la massima dose tollerata e i dati preliminari di efficacia della ralfinamide nel range di 80-320 mg/die in pazienti con dolore neuropatico.” (versione del 4 febbraio 2004; Emendamento n. 1 del 26 aprile 2004; Emendamento n. 5 del 2 dicembre 2004; Emendamento n. 6 del 9 giugno 2005; Emendamento n. 7 del 23 gennaio 2006; Codice OSSC: NEWRONP_II_ 2004_001)
Sponsor: Newron Pharmaceuticals S.p.A. CRO: Kendle

Riunione del 20 dicembre 2006
Registro delle Sperimentazioni 111/06
Protocollo di Studio CPO45/06FCNS “Studio in aperto per la valutazione della sicurezza e della tollerabilità a lungo termine di Nasalfent (spray nasale a base di fentanil citrato) nel trattamento degli episodi di dolore intenso nei soggetti affetti da cancro e sottoposti a regolare terapia con oppiacei” (versione del 6 ottobre 2006; Codice EudraCT 2006-005403-34)
Sponsor: ArchimedesDevelopment; CRO i3 Research

<< torna

Obiettivi per il biennio 2007/2009

  • trattamento del dolore pelvico
  • trattamento del dolore in terapia intensiva
  • trattamento del dolore pediatrico
  • formazione continua ECM del personale medico e non dell’Azienda PTV
  • L’Azienda Policlinico Tor Vergata, attraverso il Servizio di Farmacia Clinica, partecipa al Programma Nazionale di “Epidemiologia Clinico Assistenziale del Dolore” (EC-AD) a cura del Centro Studi SIFO c/o il Consorzio Mario Negri Sud.

Obiettivo principale del programma di sorveglianza del dolore è promuovere una cultura di “attenzione al dolore” tale da assicurare a tutti i pazienti un adeguato controllo. Questa attenzione si esprime anche come “sorveglianza epidemiologica” nella misura in cui coinvolge, grazie alla presenza di una figura di coordinamento-integrazione, a tutti i settori assistenziali dell’ospedale.
In termini operativi il programma “Epidemiologia Clinico-Assistenziale del Dolore”, si propone di osservare diversi e specifici aspetti del problema dal proprio interno:

  • presenza della sintomatologia dolorosa in un campione di reparti dove sono degenti pazienti attesi come più a rischio di avere dolore;
  • effetti avversi da oppiacei;
  • pazienti non-responder (pazienti che nonostante la terapia antalgica più adeguata – oppiacei – continuano ad avere dolore);
  • valutazione comparativa dell’impiego e del relativo costo di farmaci analgesici oppiacei, nelle diverse forme farmaceutiche, in riferimento alle caratteristiche (epidemiologiche e cliniche) dei pazienti trattati e al motivo d’impiego;
  • dolore “non adeguatamente” controllato in specifiche popolazioni di pazienti (es. pazienti chirugici, pazienti anziani, pazienti pediatrici).

<< torna

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


Risoluzione Consigliata: 1024x768 - Carattere Medio

© 2007 Fondazione PTV - Policlinico Tor Vergata - C.F.  97503840585 - P. IVA 10110821005 IT
Viale Oxford, 81 - 00133 Roma - Telefono: 06.2090.1
Mail: info@ptvonline.it - Mail Certificata: protocollo@ptvonline.postecert.it
Redazione Sito Web
Note Legali - Privacy - Elenco Siti tematici Statistiche di accesso
Tutti i diritti riservati/All rights reserved