Logo Università degli Studi di Roma Tor Vergata   Logo Regione Lazio  

 
  Home | Contatti | U.R.P. | Amministrazione Trasparente | Albo Pretorio | Cerca nel Sito | Accessibilità | Area Riservata al Personale  
  PRESENTA
 Il Policlinico
 La Fondazione
 Struttura Aziendale
 Carta dei Servizi
 Dipartimenti
 Visite ed Esami
 Centri Reg.li Riferimento
 Malattie Rare
 Ricerca Clinica
 Attività Intramoenia
 
  INFORMA
 Accoglienza Tutela  Partecipazione - URP
 Offerta Assistenziale
 Servizi al Cittadino
 Servizi OnLine
 Assistenza agli Stranieri
 Comunicazione - Stampa
 Dedicato a...
 
  PROGETTA
 Comfort Ospedaliero
 Ospedale Senza Dolore
 Ospedale Sicuro
 Comitato Etico
 Qualità
 Comitato Valut. Sinistri
 Clinical Risk Management
 Com. Pari-Opportunità
 
  ORIENTA
 Come Raggiungerci
 Informazioni Utili
 Formazione
 Biblioteca Medica Virtuale
 Volontariato
 Bandi di Gara
 Concorsi e Avvisi
 Comunicazioni a Fornitori
 Fatturazione Elettronica
 Cappella PTV
 Agevola PTV
La Fondazione PTV


Obiettivi della Sperimentazione Gestionale

L’avvio di una Sperimentazione Gestionale che prevede la creazione di una Fondazione per la gestione del Policlinico Tor Vergata persegue l’obiettivo di creare un nuovo luogo giuridico, caratterizzato dalla contestualità vincolante dei processi dialettici e decisionali, finalizzato a consentire l’interazione e la composizione dei diversi interessi istituzionali di Università e Regione.
Attualmente tale composizione è lasciata solo ad atti programmatori (intesa) od ad isolati momenti di confronto (Organo di Indirizzo) a discapito della tempestività delle decisioni e della costante e necessaria rispondenza delle stesse alle esigenze dei singoli soggetti istituzionali.
Gli organi collegiali della Fondazione (CdA e Collegio dei Revisori) sono lo strumento per permettere agli Enti fondatori di esercitare in maniera paritetica le proprie funzioni di governo e controllo esprimendo le reciproche volontà “politiche”, le capacità ”progettuali” e fornendo all’organo di gestione gli indirizzi per lo sviluppo dei programmi gestionali e patrimoniali nonché per la valutazione delle attività della Fondazione stessa.

 

 

Il nuovo luogo giuridico di composizione degli interessi istituzionali

La soluzione tecnica della Fondazione risponde alla convinzione che tale forma giuridica, essendo caratterizzata da una maggior integrazione tra Regione ed Ateneo nelle attività gestionali del Policlinico, possa garantire la costanza di una governance equilibrata tra Ateneo e Regione funzionale a garantire la costanza del perseguimento degli obiettivi delle istituzioni attraverso una reale partecipazione delle “due anime” (quella universitaria e quella sanitaria) dell’Azienda ai momenti tipici della gestione aziendale (programmazione, gestione e controllo).

 

 

La Fondazione ed il nuovo modello di governance

Attraverso la partecipazione dei soci (Regione ed Ateneo) agli organi della Fondazioni titolari delle funzioni strategiche (programmazione e controllo) e mediante le determinazione dagli stessi definite si dovrebbe quindi garantire che le linee di programmazione e sviluppo delle attività della Fondazione, nel permettere assolvimento dei compiti istituzionali dell’Ateneo, siano comunque compatibili con gli indirizzi ed i limiti, anche economico-finanziari, definiti in sede di programmazione regionale.

Per quanto attiene invece alle funzioni di gestione la Fondazione dovrà, al fine di permettere il raggiungimento degli obiettivi dei “propri” stakeholder istituzionali (Regione ed Università), adottare politiche, modelli e sistemi di gestione incentrati sui principi dell’efficienza, dell’economicità e della qualità dei servizi, intesa, in particolare, come appropriatezza clinica e gestionale dei percorsi di diagnosi, cura e riabilitazione e umanizzazione dell’assistenza.

 

 

Gli organi e organismi della Fondazione

Gli organi della Fondazione sono:
  • il Presidente della Fondazione: che è anche Presidente del Consiglio di amministrazione, è eletto al suo interno con la maggioranza qualificata di quattro membri su cinque dal Consiglio di amministrazione
  • il Consiglio di amministrazione: si compone di cinque membri di cui due in rappresentanza della Regione Lazio, due in rappresentanza dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” ed uno nominato in accordo fra i due Enti fondatori.
  • il Direttore generale: è nominato dal Consiglio di amministrazione tra persone di comprovata e specifica esperienza nei settori in cui la Fondazione svolge i propri compiti istituzionali
  • il Collegio dei revisori dei conti: è composto da tre membri effettivi, iscritti nel registro dei Revisori contabili, di cui uno designato dalla Regione, uno dall’Università ed uno in accordo fra i due Enti fondatori. Il Collegio nomina al suo interno il Presidente.
Gli organismi della Fondazione sono:
  • Il Comitato scientifico: è organismo consultivo della Fondazione, collabora con il Consiglio di amministrazione e con il Direttore Generale nella definizione delle attività della Fondazione e sulla destinazione dei finanziamenti alla ricerca scientifica e svolge una funzione tecnico-consultiva in ogni altra questione in cui il Consiglio di amministrazione od il Direttore Generale lo ritengano necessario
  • Il Collegio dei probiviri: ha la funzione di tentare di comporre in termini amichevoli, e quindi senza alcuna formalità ed inappellabilità, qualsiasi controversia insorgesse tra i vari organi o soci della Fondazione.

Per garantire il raggiungimento di maggiori performance gestionali e di attività è necessario prevedere che la Fondazione dedichi le proprie risorse ed energie esclusivamente allo svolgimento delle attività core.

 

 

Modalità della sperimentazione gestionale e verifica

La Regione ed l’Università hanno dato vita, unitamente all’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Tor Vergata, ad una Fondazione che, in prospettiva, potrà essere aperta anche alla partecipazione minoritaria delle autonomie locali, il privato sociale, i fondi previdenziali ed assistenziali integrativi, le fondazioni bancarie e altre fondazioni pubbliche e/o private o istituzioni pubbliche.
Per tutta la durata della sperimentazione gestionale le deliberazioni del Consiglio di Amministrazione della Fondazione sostituiscono le decisioni rimesse dalla normativa vigente alla intesa Regione/Università, con esclusione di quelle aventi natura programmatoria, che restano nella piena competenza regionale, con le modalità di partecipazione dell’Università prevista dal protocollo di intesa.
Dalla natura sperimentale della gestione del Policlinico Universitario per il tramite della Fondazione scaturisce l’impegno dei soci partecipanti (direttamente presenti nel Consiglio di Amministrazione) ad effettuare una verifica (intermedia dopo 3 anni e finale dopo 5 anni) della rispondenza del modello fondazionale agli obiettivi prefissati.
In caso di valutazione positiva, la Regione adotterà gli atti legislativi necessari per il trasferimento alla Fondazione del patrimonio e dei rapporti giuridici in capo all’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Tor Vergata.
In presenza di un raggiungimento parziale degli obiettivi, viceversa, i soci potranno disporre la prosecuzione della sperimentazione per verificare la possibilità di un raggiungimento completo degli obiettivi; nell’ipotesi di mancato raggiungimento degli obiettivi i soci disporranno invece l’ estinzione della Fondazione e la riconduzione della gestione del Policlinico alla tipologia di Azienda mista prevista in via generale per i Policlinici Universi tari.

 

 

La Fondazione, Spin-off, brevetti e Mercato

La Fondazione, in quanto centro di scienza, cultura ed innovazione, intende proporsi quale partner ideale dei soggetti privati nella ricerca, sviluppo e prima applicazione di nuovi strumenti, tecniche e modelli organizzativi da “offrire” poi al mercato.
Questa attività, oltre che garantire il costante mantenimento di standard prestazionali e di servizio all’avanguardia potrebbe garantire il reperimento delle risorse finanziarie necessarie ad assicurare:
  • la compatibilità economica complessiva delle attività sanitarie;
  • l’effettuazione di attività e metodiche che, in ragione dei costi connessi e dal non congruo regime di remunerazione, non sarebbero effettuabili per mancanza di risorse.
Nello svolgimento di queste attività la fondazione diverrebbe il centro di un network imprenditoriale in cui gli obiettivi del mondo industriale si sposerebbero con quelli maggiormente legati all’interesse ed all’utilità pubblica.
Data la natura no profit della Fondazione gli eventuali utili di gestione verranno reinvestiti al suo interno al fine di elevare gli standard assistenziali.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


Risoluzione Consigliata: 1024x768 - Carattere Medio

© 2007 Fondazione PTV - Policlinico Tor Vergata - C.F.  97503840585 - P. IVA 10110821005 IT
Viale Oxford, 81 - 00133 Roma - Telefono: 06.2090.1
Mail: info@ptvonline.it - Mail Certificata: protocollo@ptvonline.postecert.it
Redazione Sito Web
Note Legali - Privacy - Elenco Siti tematici Statistiche di accesso
Tutti i diritti riservati/All rights reserved