Logo Università degli Studi di Roma Tor Vergata   Logo Regione Lazio  

 
  Home | Contatti | U.R.P. | Servizi On-Line | Amministrazione Trasparente | Albo Pretorio | Cerca nel Sito | Area Riservata
 
  PRESENTA
 Il Policlinico
 Struttura Aziendale
 Deleghe
 Carta dei Servizi
 Dipartimenti
 Visite ed Esami
 Centri Reg.li Riferimento
 Malattie Rare
 Ricerca Clinica
 Attività Intramoenia
 Procedura Inside/Out
 
  INFORMA
 Accoglienza Tutela  Partecipazione - URP
 Offerta Assistenziale
 Servizi al Cittadino
 Informazioni Utili
 Modulistica
 Servizi OnLine
 Assistenza agli Stranieri
 Comunicazione - Stampa
 Dedicato a...
 
  PROGETTA
 Comfort Ospedaliero
 Ospedale Senza Dolore
 Ospedale Sicuro
 Comitato Etico
 Qualità
 Comitato Valut. Sinistri
 Clinical Risk Management
 C.U.G.
 
  ORIENTA
 Come Raggiungerci
 Formazione
 Biblioteca Medica Virtuale
 Volontariato
 Bandi di Gara
 Concorsi e Avvisi
 Comunicazioni a Fornitori
 Fatturazione Elettronica
 Cappella PTV
 Agevola PTV
Dipartimento di Diagnostica per Immagini, Imaging Molecolare, Radiologia Interventistica e Radioterapia


Programma di Prevenzione del Carcinoma della Mammella

Il carcinoma della mammella costituisce la prima causa di morte in donne di età compresa tra i 40 e i 65 anni: ciò significa che 1 donna su 10 sviluppa un carcinoma mammario.
In Italia sono accertati 30.000 nuovi casi l’anno.
Una diagnosi precoce di lesioni di piccole dimensioni permette un tempestivo trattamento terapeutico. La diagnostica senologica integrata permette l’individuazione di lesioni non palpabili, costituite per il 60% da carcinomi invasivi e per il 40% da carcinomi in situ.
Le tecniche utilizzate nel nostro Dipartimento sono:
la Mammografia (analogica e digitale), l’Ecografia e la Risonanza Magnetica. Inoltre, è da segnalare il contributo della Medicina Nucleare mediante Mammoscintigrafia, PET (Tomografia ad Emissione di Positroni) e SPECT (Tomografia ad Emissione di Fotone Singolo).
La Mammografia è l’esame di riferimento nella Diagnostica Senologica. Ha sensibilità superiore al 90% qualora associata all’esame clinico. Per le donne di età tra i 35 e i 50 anni, asintomatiche e sintomatiche, la Mammografia costituisce l’esame di prima istanza.
È infatti un test panoramico, confrontabile ai successivi controlli e rappresenta l’esame fondamentale per l’individuazione e la caratterizzazione di microcalcificazioni.
L’Ecografia rappresenta esame di prima istanza solo per donne di età inferiore ai 35 anni e in stato di gravidanza-allattamento, mentre è normalmente esame di seconda istanza per donne di età superiore ai 35 anni.
Con l’ausilio del Color-Doppler, del Power-Doppler e dei mezzi di contrasto ultrasonografici permette oggi un più accurato studio della vascolarizzazione mammaria con la possibilità di valutare l’eventuale neo-vascolarizzazione di un carcinoma. Nella valutazione pre-operatoria di lesioni multicentriche e/o multifocali, nella stadiazione loco-regionale del tumore e nello studio della mammella operata per carcinoma è fondamentale l’apporto della RM (Risonanza Magnetica) con gadolinio (mezzo di contrasto non nocivo che evidenzia l’angiogenesi) che permette altresì lo studio ottimale delle mammelle con protesi.

 

Mammografia digitale diretta.
Lesione nodulare con microcalcificazioni
Aspetto mammografico
di lesione multifocale

 

È attualmente in studio il ruolo della RM nelle Pazienti ad alto rischio genetico, con accertata mutazione a carico dei geni responsabili di carcinoma mammario ereditario (BRCA-1 e BRCA-2), per le quali, già dai 25 anni, la nostra proposta di diagnosi precoce prevede esame clinico ogni 6 mesi e RM annuale.
La Medicina Nucleare dà il suo contributo alla Diagnostica Senologica con la Mammoscintigrafia e con metodiche per l’individuazione del “linfonodo sentinella” (primo linfonodo tributario al quale il carcinoma invasivo si è diffuso).
Offre, inoltre, la possibilità di eseguire interventi chirurgici radio-guidati.
La ROLL (Radioguided Occult Lesion Localization) è una nuova tecnica di localizzazione chirurgica per lesioni non palpabili, che consiste nell’iniezione di un tracciante radiomarcato.
La FAM (Functional Anatomic Mapping) permette la sovrapposizione di immagini TC e SPECT con informazioni su lesioni vascolarizzate in aree di alterato metabolismo nel contesto della mammella.
Altro metodo di indagine in Medicina Nucleare è la TC/PET, esame morfologico e funzionale, che consente una migliore diagnosi oncologica, l’esecuzione di biopsie TC guidate, una migliore pianificazione terapeutica rispetto alla PET e contribuisce alla stadiazione del carcinoma mammario ed al follow-up delle Pazienti operate.

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


Risoluzione Consigliata: 1024x768 - Carattere Medio

© 2007 Fondazione PTV - Policlinico Tor Vergata - C.F.  97503840585 - P. IVA 10110821005 IT
Viale Oxford, 81 - 00133 Roma - Telefono: 06.2090.1
Mail: info@ptvonline.it - Mail Certificata: protocollo@ptvonline.postecert.it
Redazione Sito Web
Note Legali - Privacy - Elenco Siti tematici - Accessibilità - Statistiche di accesso
Tutti i diritti riservati/All rights reserved